venerdì 1 aprile 2016

IN LIBRERIA #14 | Novità aprile Salani

IN LIBRERIA DAL 21 APRILE
Le quattro stagioni 
di Grégoire Delacourt

Editore: Salani
Pagine: 280  
Prezzo: € 13,90 

Sinossi: Sulla spiaggia di Touquet i bambini piangono perché l’acqua del mare è troppo fredda, mentre le madri sonnecchiano al sole. Tutto attorno, sulle dune, dentro i bar, dietro gli alberi e sulla battigia, sbocciano storie d’amore. Quattro coppie, quattro passioni vissute visceralmente, quattro periodi diversi della nostra vita. L’adolescenza e i suoi amori platonici, quando ci si può ancora promettere qualunque cosa, quel regno fragile e perfetto che precede di un soffio la delusione e la perdita. Trent’anni, l’età in cui cominciamo a interrogarci su ciò che siamo diventati, degli sconosciuti a volte così diversi da ciò che sognavamo un tempo. Cinquant’anni, quando bisogna imparare di nuovo a prendersi cura di se stessi e di una coppia ormai stanca. La vecchiaia, e gli amori che ci ha lasciato una vita, quelli che sono per sempre. L’amore è un fuoco che va nutrito, per evitare che perda d’intensità e si spenga per sempre, perché la passione è tutto, ma bisogna essere disposti a lavorarci in ogni momento della vita.




IN LIBRERIA DAL 21 APRILE
La ladra di ricordi di Barbara Bellomo

Editore: Salani
Pagine: 256 
Prezzo: € 14,90 

Sinossi: Isabella De Clio è una archeologa siciliana specializzata in arte antica: seria e spigolosa, onesta, preparatissima e… cleptomane. Delusa dalla vita, e dagli uomini, sta finendo una borsa di studio che potrebbe lanciarla nel circuito dei più importanti musei del mondo. Nel labirinto accademico, dove ambizione, tresche amorose e volontà di riscatto sembrano aver la meglio sulla meritocrazia, si inserisce all’improvviso l’inspiegabile omicidio di una donna dall’oscuro passato, che ha a che fare con un prezioso cammeo di età augustea. È proprio questo cammeo a coinvolgere Isabella nelle indagini, a fianco all’affascinante commissario Caccia, stanco della routine familiare e appassionato di jazz, a Giacomo Nardi, vedovo e depresso professore di museologia e beni culturali, e al nipote della vittima. Il cammeo perduto – dono di nozze offerto a Ottaviano dalla sua sposa bambina e, due millenni dopo, pegno del silenzio offerto da un losco padrone alla sua giovane amante per nascondere una terribile colpa – innesca una storia che intreccia la Roma del I secolo a.C e l’Italia contemporanea, i grandi protagonisti dell’età repubblicana – Cesare, Lepido, Cicerone, Marco Antonio, la crudele moglie Fulvia e la piccola Clodia – e i mediocri baroni universitari dei nostri tempi, lo sbarco alleato in Sicilia, la violenza che si nasconde tra le mura di casa e la precarietà in cui i ragazzi di oggi, anche i migliori, sono costretti a crescere e a diventare adulti.

5 commenti:

  1. La ladra di ricordi mi ispira un sacco! Per non parlare della bellissima cover, occhi a cuoricino <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cover mi ha conquistata subito :)

      Elimina
  2. Sì, La ladra di ricordi potrebbe proprio fare centro. Anche perché ho un debole per la storia romana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo proprio che lo leggeremo in molti :)

      Elimina
  3. Ciao! Mi sono segnata "le quattro stagioni"... Mi ispira moltissimo!! :)

    RispondiElimina