giovedì 19 novembre 2020

RECENSIONE | "Nell'antro dell'alchimista II" di Angela Carter

“Nell’antro dell’alchimista II”, Fazi Editore, è il secondo volume che completa la raccolta dei racconti di Angela Carter, scrittrice britannica fantasiosa che ha realizzato una serie incredibile di lavori, favole per bambini, saggi e narrativa. Tuttavia è nella formula magica dei racconti che i suoi molteplici talenti come favolista, femminista, critica sociale e tessitrice di racconti,  emerge con vigore. Ogni racconto ha un cuore duro, oscuro, sfacciatamente irrispettoso per le consuetudini sociali. Come un alchimista la scrittrice, avvolta nella sua nuvola di coraggio e determinazione, fonde e porta a nuova vita storie  ricche di immagini vivide, spesso terribili, di desideri e aspetti oscuri della vita, di argomenti sconcertanti e di personaggi femminili forti che mettono in ombra gli uomini relegati in secondo piano. Angela Carter narra della vita, delle occasioni mancate, delle scoperte e degli incontri fatti lungo il nostro cammino.


STILE: 9 | STORIA: 8 | COVER: 8
Nell'antro dell'alchimista II
Angela Carter

Editore: Fazi
Prezzo: € 17,50
Sinossi

Questo secondo volume della ricca raccolta Nell’antro dell’alchimista contiene “Venere nera”, in cui la scrittrice reinventa la storia di alcune grandi figure della letteratura: Jeanne Duval, la musa affascinante e riluttante di Baudelaire che non ha mai chiesto di essere chiamata Venere nera, è intrappolata nella passione malata del poeta; Edgar Allan Poe dimostra in ogni pensiero e azione quanto avevano ragione i suoi amici quando dicevano che «chi beve prima di far colazione è perduto»; Puck, il folletto di Sogno di una notte di mezza estate, circondato da fate affette da un terribile raffreddore, smania d’amore omosessuale per un essere inafferrabile. Il volume include anche i racconti di “Fantasmi americani”, che intreccia storie del Nuovo e Vecchio Mondo: Lizzie Borden, la ragazza che uccide i genitori a colpi d’accetta, fa un’inconsueta gita al circo; un giovane pianista stringe un patto col diavolo in un bordello del Sud; un onesto studente viene accompagnato in un viaggio attraverso gli ambigui residui dell’Età dell’Oro hollywoodiana; la Maria Maddalena di Georges de La Tour subisce alcune straordinarie trasformazioni…


La raccolta è composta da tre sezioni: “Venere Nera” 1985, “Fantasmi Americani” 1993 e “Racconti Sparsi” 1970-1981.

“Venere Nera” è una raccolta di otto racconti che reimmaginano la vita di alcune figure della letteratura e della storia. La Venere nera a cui la Carter si riferisce è Jeanne Duval, esotica amante del poeta Charles Baudelaire.

Jeanne era come un pianoforte finito in un paese ai cui abitanti fossero state mozzate le mani.

La Carter dà voce a Jeanne, musa affascinante e riluttante di Baudelaire, e in generale alle donne che non hanno mai avuto la possibilità di raccontare la propria storia. Jeanne descrive, dal suo punto di vista, Baudelaire e il loro rapporto che la vede intrappolata nella passione malata  del poeta. Il poeta tende a idealizzare ciò che per lei è banale realtà. Lui vive una vita sregolata e bohémienne segnata dall’uso dell’alcol e delle droghe, lei si destreggia tra problemi economici e malesseri fisici causati dalla sifilide che il poeta-amante le ha trasmesso. Jeanne depone il suo essere mito e si mostra come una donna normale.

Il suo grande amore, la sua unica dea, l’ideale del poeta, giaceva splendida sul letto, in una stanza malinconica, foderata di rosso e di nero. Gli piaceva, gli piaceva che lei mettesse a spettacolo il suo corpo, che ne offrisse un banchetto sontuoso, regale, un banchetto in onore del luminoso sguardo di lui, di quei suoi occhi luminosi che erano più grandi del suo stomaco.

Tra i racconti di queste sezione mi è piaciuto tanto anche “Il bacio”, legato al mondo del folklore. È la storia di un bacio che un architetto scaltro e intelligente ruba alla moglie di Tamerlano.

Adorabile “Nostra Signora dei Massacri” che ribalta il destino di Moll Flanders, giunta come schiava in Virginia. Rimescolando gli eventi, la scrittrice narra cosa sarebbe successo se Moll Flanders fosse stata rapita dagli indiani d’America.

Nel fascino nero, non poteva essere diversamente, si ammanta il racconto “Il gabinetto del dottor Edgar Allan Poe”. Ad avere molta influenza sul lavoro di Angela Carter fu proprio l’autore americano Poe. Nel racconto la Carter rielabora l’infanzia dello scrittore, il suo rapporto con la madre, le sue ossessioni sono i semi da cui nasce la sua immaginazione. La mamma di Poe recitava in teatro e lui trascorreva ore a guardarla. Ogni sera, nelle recite a teatro, la vedeva morire in scena per poi risorgere dietro le quinte.

“Delitto con accetta a Foll River” è una libera interpretazione di un fatto agghiacciante:  una giovane americana, Lizzie Borden, è sospettata di aver ucciso suo padre e la matrigna con un’ascia.  La Carter narra  come nasce nella ragazzina il proposito  di uccidere i propri genitori. Una sera Lizzie scappa dalla sua casa per andare a vedere il circo. Man mano che il racconto evolve diventa sempre più inquietante e si comprende che qualcosa di terribile sta per succedere. Al circo, Lizzie vede una tigre. Entrambe sono in gabbia e non vedono l’ora di fuggir via.

Nella sezione Fantasmi americani troviamo nove storie del Nuovo e Vecchio Mondo. Nessun fantasma con catene al seguito ma la dimostrazione di come le nostre paure creino prigioni.

Potente il racconto “Covacenere ovvero il fantasma della madre” liberamente ispirato a “Cenerentola” ma in una versione crudele e sanguinaria. Anzi non una ma tre versioni della medesima favola. Nelle mani della Carter tutto si trasforma ed emergono le figure femminili che lottano per il predominio sugli uomini. I personaggi maschili  tendono a ricoprire il ruolo di vittime e sono considerati come un valore economico.

La potenza immaginativa non viene meno nei Racconti sparsi con la rilettura di De Sade in Villa Scarlatta e un simbolico Patchwork. Mani femminili sempre velocemente al lavoro cuciono insieme ritagli di stoffe divere creando una coperta che potremmo interpretare come l’insieme delle fragilità femminili.

Leggere “Nell’antro dell’alchimista II” è un viaggio in territori oscuri e pericolosi dove le fiabe, i miti e le storie, vengono smantellati e ricostruiti. Come un novello alchimista, Angela Carter mescola eventi reali con il mondo dell’immaginario e manda in frantumi le catene che ci appesantiscono. Apre un varco verso tutto ciò che viola i principi morali di uguaglianza, naviga in acque contrarie alla logicità delle cose e approda a lidi nuovi dove l’imperfezione vince la perfezione, dove tutto è possibile, dove si può rinascere a nuova vita abbandonando il peso della passata esistenza. Nei personaggi, che animano le storie di questa raccolta, esiste un’identità nascosta pronta a manifestarsi in modo seducente, spesso sfrenato. Il lato oscuro che vive in noi assapora la libertà e non è più considerato socialmente inaccettabile. Ciò che noi conosciamo viene ribaltato, i destini cambiati, i valori del nostro vivere sociale  ignorati. Ogni racconto ci vede equilibristi tra sogno e realtà, sotto di noi una distesa di immagini violente e inquietanti. Con l’originalità della sua scrittura, l’autrice ripercorre e reinventa la vita degli altri raccontandole da insolite e varie angolature.

Le sue storie collezionano atmosfere inquietanti, dolore, violenza, amore, erotismo e morte. Storie originali che non si sottraggono a eccessi narrativi ma che conservano il privilegio di “mutare l’aspetto del mondo.”

giovedì 12 novembre 2020

RECENSIONE | "Quel prodigio di Harriet Hume" di Rebecca West

È da oggi nelle librerie un nuovo romanzo di Rebecca West, inedito in Italia: “Quel prodigio di Harriet Hume”, tradotto dall’inglese da Francesco Frigerio per Fazi Editore. Dell’autrice britannica ho letto e apprezzato la trilogia della famiglia Aubrey ispirata alla sua storia familiare. Rebecca West, nata Cicely Isabel Fairfield a Londra, prese il suo pseudonimo dall’omonimo personaggio di Ibsen, un’eroina ribelle. Leggere i suoi romanzi vuol dire entrare in un mondo in cui realtà e simbolismo si mescolano e mettono in scena un flusso di sensazioni che travolge e rivela verità profonde. “Quel prodigio di Harriet Hume” è un confronto di anime, è un volgere lo sguardo sull’abisso in cui finisce ogni moralità quando, a prevalere, è l’ossessione del dominio e della ricchezza.


STILE: 8 | STORIA: 8 | COVER: 8
Quel prodigio di Harriet Hume
Rebecca West

Editore: Fazi
Prezzo: € 18,00
Sinossi

Harriet Hume, affascinante pianista squattrinata, mistica e stravagante, è l’essenza della femminilità; Arnold Condorex, spregiudicato uomo politico imbrigliato in un matrimonio di convenienza con la figlia di un membro del Parlamento, è un ambizioso calcolatore senza scrupoli. I due si amano: sono opposti che si attraggono, e nel corso degli anni si incontrano e si respingono, in varie stagioni e in vari luoghi di Londra, come legati da un filo sottile che non si spezza mai. La loro relazione si dipana tra il realismo dell’ambientazione cittadina e l’incanto magico della fiaba: le doti musicali di Harriet sconfinano in una stregoneria allegra e un po’ pasticciona, che le permette di leggere nel pensiero dell’amato. Quando Arnold se ne rende conto, diventa ostaggio di questo dono sovrannaturale, grazie al quale Harriet può svelare le macchinazioni politiche alle quali lui è ricorso per anni – e che ancora continuerebbe volentieri a imbastire – per fare carriera. La donna costringe l’amante a fare i conti con se stesso: Harriet è la coscienza di Arnold, la sua parte migliore; è l’integrità, il rifiuto di ogni compromesso, è tutto ciò che Arnold non può manipolare, come ha fatto con la politica e con il matrimonio.


Di tutte le donne che aveva conosciuto lei era la più eterea. Amarla era come avvolgersi in una lunga sciarpa di puro spirito. E tuttavia, per quel che concerne l’amore, com’era umana!

“Quel prodigio di Harriet Hume” è un romanzo che vede protagonisti l’ambizioso Arnold Condorex e l’eterea Harriet Hume. Lei è una donna molto bella, ama la musica e suona il pianoforte. Lui è più interessato ai beni materiali, al successo e all’elevazione sociale. Dopo un romantico appuntamento, Harriet scopre di poter leggere nella mente di Arnold e ciò che vede non le piace. Arnold non crede al “dono” della ragazza, è turbato, parla di coincidenze e si separa rapidamente da lei.

Erano come un vaso greco, lui il solido recipiente, lei la decorazione a spirale che lo avvolgeva interamente. Ma quel vaso era andato in frantumi un istante dopo essere stato creato, quando lui si era allontanato da lei.

 Non si vedranno più per vari anni ma saranno sempre uno nella mente dell’altro. Il destino segnerà i loro incontri, momenti in cui è come se si guardassero in uno specchio riflettente non solo i loro corpi, la bellezza di lei rimane immutata col trascorrere del tempo, ma anche i loro pensieri. In ogni incontro Harriet, grazie ai suoi poteri, cerca di far ragionare Condorex  sui lati più oscuri delle sue ambizioni, delle sue aspirazioni politiche e finanziarie. Tra i due c’è attrazione ma lui vuole il potere e sposerà una donna che non ama ma in grado di aiutarlo a farsi strada nella vita. Era pronto a tutto per il successo, sarebbe stato un servitore devoto, abile nella negoziazione, prudente e disposto al duro lavoro. Tuttavia in lui rimane, in un angolo del suo cuore e della sua mente, l’immagine di Harriet e dei suoi doni occulti che la fanno  assomigliare a volte a un angelo a volte a una strega.

La mia piccola Harriet rappresenta una minaccia quanto bere tè zuccherato da una graziosa tazzina. Non potrebbe mai leggermi nel pensiero. Dubito che sia in grado di leggere persino l’abbecedario.

Il tempo passa, Condorex diventa sempre più potente, la politica è il suo campo d’azione. È diventato un maestro nel non mostrare mai il fianco all’avversario. Quotidianamente indossa una maschera che puntualmente, nei loro sporadici incontri, Harriet tira via. Lui odia la donna per quel dono, lei non può fare a meno di mettere in luce le debolezze dell’uomo. Si attraggono e si respingono. Si dicono addio ma non vedono l’ora di rivedersi. Non possono stare lontani ma è impossibile vivere insieme. Odio e attrazione si fronteggiano in un duello di emozioni, pensieri e desideri. Lei subisce il fascino della musica, lui vuole emergere sempre più dall’anonimato.

Non avrò pace fino a quando tutti gli uomini mi considereranno loro pari; anzi, fino a che non imploreranno me di ritenerli miei pari.

Cosa c’è di male nell’essere ambiziosi?

Perché nascere in una famiglia anonima e non arrivare mai a elevarsi a una posizione di spicco nella vita vuol dire essere condannati al pari dei fantasmi a non sapere cosa sia un’esistenza piena.

Così, al pari di un fantasma, Harriet entra ed esce dalla vita di Condorex fino a quando il destino presenta all’uomo il conto da pagare per aver raggiunto i vertici sociali e politici. Condorex teme di veder andare in frantumi tutto ciò che ha costruito ed ecco ricomparire lei, la Cassandra della sua vita.

“Quel prodigio di Harriet Hume” è un romanzo che vede il rincorrersi di due storie, come facce di una realtà a tratti malinconica e inguaribilmente chiusa nelle proprie ossessioni. Due anime si fronteggiano, si studiano, allontanandosi eppur cercandosi in una serie di corsi e ricorsi che segnano il travagliato cammino dei protagonisti. Lui si nasconde dietro uno scudo fatto di onestà. È sicuro di poter guardare nel suo cuore e trovarvi solo amore e lealtà. Lei tenta di farlo rinsavire, vorrebbe strappar via la maschera dal volto amato e lo mette di fronte alle sue colpe, alla vergogna e al tradimento. Alla fine, secondo il mio modesto parere, i due protagonisti non sono due esseri distinti, ma le due facce della stessa anima. Condorex mente a se stesso, non controlla le proprie azioni ma i conflitti interni non possono tacere per sempre. La loro voce ha un nome, Harriet. Lei è la coscienza di quell’uomo ambizioso, elimina i filtri che mascherano la realtà e la rendono percepibile in un modo falso. Condorex non è disposto ad accettare tutto ciò, parte della sua anima si ribella alla verità che vuol forzare il suo essere. Condorex non crede a Harriet, è il suo modo per difendersi sarà l’inizio di un momento drammatico che vedrà la rinascita, come la fenice, dei due amanti.

Il potere del mio opposto! Se porta via a un uomo la capacità di distinguere il giorno dalla notte, è tempo di agire.

Vi invito a leggere questo romanzo che racconta l’inquietante polarità di mente e spirito con elementi spirituali e soprannaturali. L’uomo è eternamente alla ricerca di dominio e distruzione, l’amore è un grimaldello per scardinare certezze e false illusioni. Rebecca West, con stile elegante, narra una storia in cui la fantasia diventa un tramite per mostrare i conflitti interni della psiche umana. Ricordate che ciò che leggerete è frutto di fantasia. Forse. A voi l’ardua sentenza.

martedì 10 novembre 2020

RECENSIONE | "Il traditore di Roma" di Simon Scarrow

“Il traditore di Roma”, Newton Compton Editori, è il nuovo capitolo di una brillante saga narrativa “Eagles of the Empire Series” di Simon Scarrow sull’esercito romano. È un romanzo di ambientazione storica che narra le imprese eroiche del tribuno Catone e del centurione Macrone, soldati di grande esperienza pronti a tutto per difendere l’Impero e l’invincibilità di Roma. Al fianco di uomini coraggiosi fronteggeranno il nemico a viso aperto ma un traditore tesse la sua tela nell’ombra. La guerra contro i Parti è imminente e il delatore dev’essere trovato o per l’Impero sarà la fine.





STILE: 8 | STORIA: 8 | COVER: 7
Il traditore di Roma
Simon Scarrow

Editore: Newton Compton
Prezzo: € 12,00
Pagine: 384
Sinossi

56 d.C. l tribuno Catone e il centurione Macrone, veterani dell’esercito ro­mano, sono di stanza sul confine orientale, consapevoli che ogni loro mossa è costantemente monitorata dalle spie del pericoloso e miste­rioso Impero parto. Ma la minaccia esterna potrebbe non essere nulla rispetto a quella interna. Tra i ranghi della legione si nascon­de un traditore. Roma non mostra alcuna pietà verso coloro che tradi­scono i commilitoni e l’Impero, ma prima di poter punire il colpevole, bisogna trovarlo. Catone e Macrone cominciano così una corsa contro il tempo per sco­prire la verità, mentre i potenti ne­mici oltre il confine non aspettano altro che poter sfruttare qualunque debolezza per annientare la legio­ne. Il traditore dev’essere trovato, o per l’Impero sarà la fine… 


 Tra i soldati dell’impero un rinnegato attende il momento giusto per colpire.

56 d.C. E’ il terzo anno di regno dell’Imperatore Nerone. Il tribuno Catone e il centurione Macrone, veterani dell’esercito romano, sono di stanza sul confine orientale a Tarso, consapevoli che ogni loro mossa è controllata dalle spie del pericoloso e misterioso Impero dei Parti. Il loro compito consiste nell’addestramento dei pretoriani e degli ausiliari che faranno parte dell’esercito che il generale Corbulone muoverà contro i parti. Oltre alla minaccia esterna, c’è un grave problema interno che rischia di far fallire ogni iniziativa romana: tra i ranghi della legione si nasconde un traditore. Roma non riserva nessuna pietà per coloro che tradiscono i commilitoni e l’Impero. Catone e Macrone iniziano così una corsa contro il tempo per scoprire la verità, mentre i potenti nemici oltre il confine non aspettano altro che poter sfruttare ogni debolezza per annientare la legione.  

Il libro ha come protagonisti Catone e Macrone, uomini valorosi e coraggiosi al servizio dell’esercito romano. La storia offre uno spaccato di vita militare narrando anche la vita della Legione, le sue battaglie e i suoi costumi. Invenzione e storia si sposano perfettamente  con il racconto di determinati momenti storici e si amalgama con il fascino degli eventi e le sfide che i due vecchi amici dovranno affrontare con i loro compagni d’armi.

Scarrow descrive dettagliatamente la vita nell’esercito romano, l’addestramento, i giochi di potere e le tattiche in vista di una guerra sanguinosa. Il romanzo ci conduce sui campi di battaglia durante un implacabile assedio e ci trasmette le vivide emozioni di un imboscata o di una sommossa che rendono ancora più dinamica e reale l’evoluzione della storia. L’onore, il coraggio, la determinazione e l’astuzia sono caratteristiche peculiari dei protagonisti che mostrano anche le loro ambizioni, le passioni, i desideri e i progetti del loro essere uomini delineando così anche la psicologia di questi due eroi.

Macrone incarna, con vizi e virtù, il soldato romano delle legioni. Fedele al suo generale Corbulone, è un uomo pronto a sfidare ogni pericolo ma anche un marito felice, sposa l’amata Petronilla. Nel frattempo il valoroso veterano partecipa all’assedio di Thapsis per liberarla dai ribelli.

Catone si mostra come un uomo tranquillo, intelligente e colto, tenero con il figlioletto Lucio ma deciso in guerra. È il comandante della coorte pretoriana del generale Corbulone e per suo ordine viene mandato, con una delegazione di pochi uomini, nella Partia per proporre una pace al re Vologase.

Quindi, almeno inizialmente, i due protagonisti prenderanno vie diverse alle prese con situazioni pericolose, tuttavia nel procedere del libro le loro strade si incrociano nuovamente. Quale sarà il loro futuro?

Disciplina e regole ferree, coraggio e determinazione, lealtà e infami tradimenti, imboscate e brutalità, segnano un itinerario narrativo che mostrerà anche le vicende personali  dei protagonisti. La narrazione appassionante mette in risalto anche le imperfezioni dei personaggi pur evidenziando il senso di fratellanza dei legionari romani e non trascura l’avidità e la corruzione che si annida tra le maglie dell’Impero.

“Il traditore di Roma” è il libro numero 18 della serie e il finale lascia intravedere un nuovo capitolo dell’eccezionale saga iniziata nel 2000 con “Sotto il segno dell’aquila”. Scarrow scrive con passione seminando, nel romanzo, colpi di scena, azione, tradimenti, intrighi. Fuoco e acciaio temprano questa storia piacevolissima da leggere.

“Il traditore di Roma” è un’avventura avvincente e ricca di azione, la trama è un continuo intrigo che non concede momenti di tregua, lo stile è fluido, accattivante e appassiona il lettore portandolo indietro nel tempo. Battaglie, macchinazioni politiche, tradimenti, coraggio, amore e morte. All’inizio del libro c’è una mappa del confine tra Roma e la Partia nel primo secolo d.C. Troverete anche un utilissimo elenco dei personaggi storici e di fantasia.

Personalmente mi piacciono molto i romanzi storici quindi vi auguro  una buona lettura e godetevi il viaggio nel passato glorioso sotto il nome di Roma.