martedì 31 marzo 2015

RECENSIONE | “L’uomo di Primrose Lane” di James Renner

Buongiorno carissimi lettori :)
Non credevo fosse possibile, invece è successo: ho letto un thriller che mi ha mandata in confusione. La prima parte del romanzo è coinvolgente, intrigante, emozionante. Poi succede l’irreparabile e a metà romanzo si ha la metamorfosi: il thriller sfocia nella fantascienza con venature horror. L’incomprensibile libro a cui mi riferisco è “L’uomo di Primrose Lane” di James Renner, traduzione di Fabiano Massimi, edito Einaudi.


L'uomo di Primrose Lane

Autore: James Renner
Editore: Einaudi 
Pagine: 504
Prezzo: € 19,50 (cartaceo)

Sinossi:  David Neff, giornalista e scrittore, ha pubblicato un libro sulla vita di un serial killer, che è diventato un best seller ma ha lasciato segni profondi nella sua psiche. Da cinque anni non scrive più nulla, e ha bisogno al più presto di una nuova storia che lo appassioni e gli permetta di tornare al successo, uscendo dal vortice di dolore seguito al suicidio della moglie Elizabeth. Si lascia coinvolgere dal caso dell'Uomo di Primrose Lane, un personaggio solitario e avvolto nel mistero, assassinato brutalmente e senza motivi apparenti quattro anni prima. Le sue indagini si trasformano in un'autentica ossessione quando, sul letto dell'uomo, viene ritrovata un'impronta di Elizabeth, segno di un legame che sembra avere le sue origini nel passato e nel grande trauma che ha segnato la vita della moglie di David: il rapimento della sorella gemella, Elaine, svanita senza lasciare tracce e mai più ritrovata.



STILE: 6 | STORIA: 6 | COPERTINA: 6

Era noto perlopiù come l’Uomo di Primrose Lane, anche se a volte i vicini, parlandone alle feste, lo chiamavano eremita, recluso, svitato. Per l’agente di pattuglia Tom Sackett era sempre stato l’Uomo dai mille guanti, dalla bizzarra abitudine di portare guanti di lana anche in pieno luglio.
In pochi dovevano essersi accorti il vecchio indossava guanti diversi ogni volta che metteva piede fuori dalla sua casa in rovina. La maggior parte degli abitanti di West Akron distoglieva gli occhi incrociandolo o attraversava la strada per evitare di passargli accanto. Era strano. E a volte ciò che è strano è anche pericoloso.
David Neff, autore del bestseller “L’apprendista del serial killer”, vive un periodo drammatico della propria vita: sua moglie Elizabeth si è suicidata dopo aver dato alla luce il loro bellissimo bambino. Lo scrittore, affetto da stress post-traumatico, è schiavo dei farmaci che ingabbiano le sue emozioni. La sua vita sta scivolando via come sabbia tra le dita. La possibilità di rinascita gli viene offerta dal suo editore che lo sprona a rituffarsi nel lavoro per ritrovare passione e voglia di vivere. Lo scrittore si lascerà convincere a scrivere una nuova storia basata sul caso dell’omicidio dell’uomo di Primrose Lane, l’uomo dai guanti di lana. Il suo cadavere è stato ritrovato con le dita mozzate e triturate. Ben presto le indagini diventano per David Neff un’autentica ossessione: in casa dell’uomo assassinato, sul suo letto, sono state isolate le impronte di Elizabeth. Qual è l’oscuro legame che lega queste persone? Cosa si nasconde nel passato tormentato di Elizabeth segnato dal rapimento della sorella gemella Elaine, svanita nel nulla e mai più ritrovata?

Fin dalle prime pagine di questo romanzo la mia attenzione è stata catturata da una storia ben narrata e organizzata su più piani temporali. Il rapimento di Elaine, l’uomo misterioso che salva Elizabeth, le indagini inconcludenti della polizia, il senso di colpa che affligge la giovane protagonista. Poi l’arrivo di Neff, l’innamoramento e il matrimonio, per Elizabeth l’inizio di una nuova vita. 
Tutto sembra procedere per il verso giusto. Sembra. 
Quando Neff inizia le indagini per il suo libro tutto cambia. Il giovane cronista si lascia coinvolgere sempre più dalla personalità malata dei serial killer, fino a manifestare problemi psichici da stress post-traumatico. Lo scrittore vive gli omicidi interiorizzando la loro forza distruttiva, addirittura sente nella sua testa la voce del Killer. Neff riuscirà a finire il libro, diventerà molto ricco ma perderà la sua anima. Il suicidio della moglie segna il culmine dell’inferno in cui lo scrittore è precipitato. Dolore su dolore, come uscirne? Un’altra indagine che il destino beffardo lega con il dramma di Elizabeth. 
Ecco che, pagina dopo pagina, si verificano salti temporali repentini che conferiscono un ritmo incalzante alla narrazione. Il gran puzzle della verità prende forma, tanti frammenti, apparentemente non connessi tra loro, si incastrano alla perfezione facendo combaciare date, avvenimenti, testimonianze. Fin qui nulla da eccepire, romanzo intrigante e avvincente. 
Poi si verifica un cambiamento, forse inizia una sperimentazione letteraria che ha creato un romanzo ibrido che ha perso del tutto la propria identità. Mi spiego: David Neff è talmente assorbito dalle sue indagini da trasformare la ricerca della verità in un’ ossessione. Non ci sono più limiti: pur di sapere è disposto a tutto anche all’inverosimile. A questo punto il romanzo diventa caos. Il thriller lascia il posto alla fantascienza: i viaggi nel tempo generano una duplice esistenza, in contemporanea, dello stesso personaggio con età diverse e proveniente da mondi paralleli. Grazie a una navicella molto particolare, ad una sospensione vitae ingegnosa, alcuni personaggi attraversano il tempo a ritroso per andar dietro alle ossessioni personali. Questi piani temporali proiettati in mondi diversi danno vita a un miscuglio di personaggi che interagiscono con il passato. Il tutto raccontato in maniera confusa e disorganizzata. Peccato perché la prima parte del romanzo affascina, la seconda ti dà l’impressione di aver perso il filo del discorso. A volte succede di perdersi strada facendo, forse Renner voleva sperimentare qualcosa di cui non era totalmente sicuro. Io non amo molto i viaggi nel tempo soprattutto quando si inizia a incrociare mondi che vivono un tempo diverso: in uno l’accaduto si è già realizzato, nell’altro deve ancora verificarsi. Allora si può intervenire per cambiare l’evolvere dei fatti? Ha una sua logica lasciare il presente per proiettarsi nel  passato e cercare di deviare ciò che deve accadere nell’evolvere naturale dell’esistenza? E se questo non è sufficiente, ha senso dal futuro  fare un salto nel passato sapendo di non poter più tornare nella propria epoca? Aiuto, mi sono nuovamente persa. Vuol dire che, senza scomodare i viaggi nel tempo, mi limiterò a godere della prima parte del romanzo non considerando l’epilogo confusionario. I personaggi sono ben caratterizzati, viene data voce anche ai serial killer con i loro destini pericolosamente intrecciati, la suspense è notevole, il ritmo serrato rende piacevolissima la lettura e diventa impossibile staccarsi da quelle pagine che narrano crimini efferati e misteri a cui vuoi sia data una risposta. Alla prima parte del romanzo assegno ben quattro piume, alla seconda parte due misere piume.

Tuttavia sono curiosa di leggere altri romanzi di James Renner per vedere se ci sono altri thriller che non mutano aspetto strada facendo. Mi piace ciò che ho letto nei primi capitoli de “L’uomo di Primrose Lane” e confido in future letture più soddisfacenti sempre a firma Renner.

14 commenti:

  1. Ciao! Finalmente riesco a passare di qui (che vergogna con il blog nuovo non mi ero nemmeno iscritta ai lettori fissi :-( )
    Sai che ti dico? questo romanzo mi fa letteralmente paura...una storia che muta, thriller, horror, ma la parole peggiore è Fantascienza, no non ce la posso fare!! che poi gli hai assegnato un bel 6/10 però...no credo sia un libro adatto a me! alla prossima!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sperimentazione di fusione di vari generi letterari è molto interessante, la confusione inizia con i piani temporali che si succedono e, a volte, si presentano contemporaneamente :)

      Elimina
  2. In effetti la parte "paranormale" può non piacere, ma nel complesso L'uomo di Primrose Lane mi è piaciuto molto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il romanzo è coinvolgente, la trama innovativa, forse un po' troppo affollata di personaggi nella parte finale :)

      Elimina
  3. Wow! Aggiunto alla mia wishlist, voglio leggerlo *-* sono troppo curiosa e la cover mi ha assolutamente catturata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggerò con interesse il tuo parere :)

      Elimina
  4. Grazie! Un libro in meno da leggere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per chi ama il genere thriller, questo romanzo promette tanto ma cede al caos dei viaggi nel tempo :)

      Elimina
  5. nonostante questo libro ti abbia lasciato un po' di confusione, mi hai trasmesso un sacco di curiosità, quindi vorrei dargli un'opportunità!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono proprio curiosa di sapere la tua opinione :)

      Elimina
  6. grazie per la recensione, credo proprio non faccia per me! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio dedicarsi a letture più piacevoli:)

      Elimina
  7. CoUn libro sconclusionato, senza capo nè coda, che prima parte come una cosa e poi finisce come un'altra, con situazioni forzate a colpi di zappa e una confusione totale...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido, la confusione è totale :)

      Elimina