sabato 2 maggio 2015

RECENSIONE | "Muori con me" di Karen Sander

Buongiorno carissimi lettori :)
Dopo aver venduto oltre 120.000 copie in Germania in tre mesi, il 15 aprile è stato pubblicato anche in Italia, grazie alla Giunti Editore, un romanzo avvincente scritto dalla nuova regina tedesca del thriller. Si tratta di Muori Con Me” di Karen Sander, traduzione di Lucia Ferrantini per la Collana M, Giunti Editore.



Muori con me

Autrice: Karen Sander

Editore: Giunti 
Pagine: 440
Prezzo: € 12,90 (cartaceo)

Sinossi: Cinquant'anni e una tempra forgiata dalla lunga esperienza nella Omicidi, il commissario Georg Stadler crede che ormai niente possa più sconvolgerlo. Ma quando entra in quel lussuoso appartamento nei quartieri alti di Düsseldorf, si rende subito conto che non c'è limite alle mostruosità concepite dall'animo umano: le pareti, il soffitto e il pianoforte bianco sono imbrattati di sangue; al centro, una donna orribilmente massacrata, sul cui corpo l'assassino ha lasciato una bambola, nuda. 
Forse un messaggio cifrato? Qualcosa scatta nella mente di Stadler: contro il parere dei suoi superiori, è convinto che ci sia un serial killer in circolazione e chiede l'aiuto di Elisabeth Montario, psicologa criminale nota per aver risolto una serie di casi in cui la polizia brancolava nel buio. Trent'anni, una cascata di riccioli rossi e uno sguardo che colpisce subito il commissario per la sua intensità quasi tagliente, Liz non può fare a meno di accettare la proposta, benché sia già alle prese con un mistero da sciogliere. Uno stalker sempre più aggressivo la tormenta con lettere di sfida: "Trovami. Prima che sia io a trovare te". Parole minacciose che fanno riaffiorare il ricordo di qualcuno che aveva amato, anche dopo averne scoperto la natura profondamente malvagia. Intanto gli omicidi subiscono un'escalation di brutalità: il killer sembra determinato a coinvolgere Liz e Stadler in un gioco efferato, risvegliando quegli incubi che la psicologa credeva sepolti per sempre...


STILE: 8
STORIA: 8
COPERTINA: 8

Un morto carbonizzato al riformatorio 

Lo strangolatore di ragazzine appicca il fuoco e poi si uccide. 

Siegburg - Ieri, a causa di un incendio, numerosi detenuti sono stati evacuati dal carcere di Siegburg. Secondo la polizia, la vittima sarebbe una, più tre feriti ricoverati in ospedale. Il fuoco, scoppiato nell’ala delle celle verso le cinque del pomeriggio, si è diffuso con una velocità impressionante […] Da fonti non ancora confermate, il piromane sarebbe il cosiddetto Strangolatore di Duisburg: Hendrik Vermeeren, diciassette anni, condannato per triplice omicidio in quanto giudicato colpevole di aver violentato e poi strangolato tre ragazzine di età compresa tra i dodici e i quattordici anni. 
Con questo intrigante antefatto ha inizio “Muori Con Me”, un thriller serrato che affonda le sue radici in un passato che non perdona. Il Commissario Georg Stadler è nella Omicidi da molti anni, ha visto crimini efferati, crede, ormai, di poter affrontare tutto. Si sbaglia. 
Quando viene ritrovata una donna orribilmente massacrata, sul cui corpo l’assassino ha lasciato una piccola bambola nuda, Stadler trova dei punti in comune con un altro omicidio commesso alcuni mesi prima. Così pensa subito che ci sia un serial killer in circolazione. Per catturarlo si rivolge a Elizabeth Montario, psicologa criminale. Liz accetta la richiesta di collaborazione del commissario anche se la sua vita è stravolta da uno stalker che le invia lettere inquietanti:
Trovami. Prima che sia io a trovare te.
Queste lettere da brivido riportano la psicologa a una verità sepolta, a un passato che non ha placato i suoi demoni affamati di vendetta.
Lascia che ti stia vicino, così vicino, che il tuo respirò diventerà il mio.
Intanto gli omicidi si susseguono con un’escalation di brutalità. Ben presto appare evidente che il killer ama sfidare la polizia. Stadler e Montario saranno coinvolti in un gioco efferato che rivelerà l’orrore di un incubo diventato realtà. Tra colpi di scene e agghiaccianti rivelazioni, inizia una caccia all’uomo densa di emozioni.

“Muori Con Me”  segna il debutto della coppia investigativa Stadler- Montario.
Lui, determinato e affascinante, è pronto a tutto pur di continuare le indagini per scoprire chi è l’autore di delitti tanto efferati.
Lei, una cascata di riccioli rossi e uno sguardo inteso quasi tagliente, è alle prese con un passato difficile. Il suo lavoro di psicologa criminale, la porta ad occuparsi di Killer feroci, implacabili. Le sue ricerche sugli omicidi che hanno sconvolto l’opinione pubblica mostrano un quadro investigativo complesso. I vari delitti presentano un modus operandi simile che riflette l’azione di una mente folle dimostrando che non c’è limite alle mostruosità concepite dall’animo umano. Solo chi ha già conosciuto il male può combatterlo. Elisabeth vive un’indagine che la riporta al passato, un’indagine che fa riaffiorare in lei il ricordo di una persona che aveva amato. Una persona devastata dalla sua stessa natura profondamente malvagia. Una persona che lei crede scomparsa.

“Muori Con Me” è un romanzo ben scritto, avvincente, inquietante. I personaggi guidano il lettore attraverso un percorso investigativo complesso ma affascinante. Continui flashback creano un ponte tra presente e passato che ci permette di attraversare i meandri di una mente malata per scoprire che il Male, quello con la M maiuscola, può assumere le sembianze di una persona a noi cara.  
La scrittrice, pur trattando temi già noti, è riuscita a creare un thriller in cui passato e presente si mescolano abilmente e suscitano, nel lettore, il desiderio irrefrenabile di conoscere la verità. Per i lettori più attenti non sarà difficile trovare il bandolo della matassa anche se alcune rivelazioni vi lasceranno a bocca aperta. Con un ritmo incalzante il thriller avvince e conquista mostrando pagine in cui tensione, brutalità, determinazione, coraggio, sono i veri protagonisti.

Karen Sander, dopo questo brillante esordio, ha pubblicato il secondo episodio della serie incentrata sulla coppia investigativa Stadler-Montario. Questo nuovo romanzo, uscito in Germania, ha venduto 30.000 copie solo nelle prime due settimane. La serie è in corso di traduzione in cinque Paesi presso i marchi editoriali più prestigiosi. Sicuramente la Giunti, che ringrazio per avermi dato la possibilità di leggere questo libro, è tra questi e a noi lettori, amanti del genere thriller, non ci resta che aspettare. Confido in un’attesa breve, sono molto curiosa di vedere come procederà il rapporto lavorativo e umano tra il commissario e la criminologa. Affiatamento e ostilità saranno ancora le caratteristiche contrastanti del loro rapporto? Spero di scoprirlo prestissimo.

6 commenti:

  1. Lo sto leggendo adesso! Sono a metà - precisa precisa v_v - e mi sta piacendo moltissimo, c'è molto mistero :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si legge tutto d'un fiato! La seconda parte è ancor più intensa della prima, il ritmo aumenta, l'angoscia sale fino al finale scritto in modo ottimale. Buona lettura :)

      Elimina
  2. anche io lo leggerò!! non vedo l'ora, sembra molto bello!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggilo subito, cara Angela. Sono proprio curiosa di conoscere la tua opinione :)

      Elimina
  3. Ciao, piacere di scoprire il tuo blog! =)
    Ne ho scritto anch'io oggi, finito di leggere ieri sera e ne sono rimasta piacevolmente sorpresa. Non è il mio genere, eppure devo dire che l'ho letto tutto d'un fiato.
    A presto!
    Vale

    RispondiElimina
  4. Ciao Valentina, io amo i thriller e "Muori con me" l'ho letto con molta curiosità e interesse. E' un buon romanzo per avvicinarsi al mondo inquietante e intrigante dei thriller. Un saluto :)

    RispondiElimina