lunedì 18 novembre 2013

Detective Gufo #19

 
"Detective Gufo" è una rubrica settimanale creata da me appositamente per il blog Penna d'oro.
Perché detective? Semplice, Gufo andrà in giro tra i vari blog per scovare la recensione più 
emozionante tra le tante che vengono pubblicate.



Finalmente, dopo giorni di pioggia, il sole è ritornato a splendere per incorniciare una giornata che infonde ottimismo. In questo lunedì solare, solo Detective Gufo sembra non gradire la forza vitale che riempie l’aria del nostro ufficio “Ricerca Recensioni Meritevoli”. Sembra preoccupato, quasi perso dietro ai suoi pensieri, diviso tra il dire e il tacere. Poi, come sempre, inizia a parlare sicuro di attirare la mia attenzione:

“Lei ha dormito cento anni. Lui l’ha risvegliata con un bacio, ma questa non è la fine della storia, è l’inizio”.

Dormire per 100 anni? Bacio? Risveglio? Vuoi vedere che si tratta di una fiaba?
Compiaciuto Gufo rivela:

“Rosaspina. Una fiaba Dark” di Luana Semprini
Recensione scritta da Lara del blog “Stellenell’Iperuranio”.



Ricordo con tenerezza i momenti in cui la mia mamma mi raccontava la fiaba di “Rosaspina”. Io rimanevo estasiata ad ascoltarla mai paga del suo narrare di principi e principesse. Mi piaceva pensare alle fate buone, a Rosaspina che ignara va incontro al suo destino, al bel principe azzurro che con un bacio la risveglia dal suo lungo sonno, al lieto fine. Il mio animo da bambina ne era appagato e felice. Ora, che di anni ne sono passati, ritrovo questa fiaba rivisitata in chiave dark. Con curiosità ho letto la bella recensione di Lara che tesse le lodi, meritatissime, della scrittrice Luana Semprini  e ci racconta di una “Rosaspina” che affascina ancora anche se in modo diverso. La luce e il buio sono due aspetti che si completano come il bene e il male. Pensare a un principe che tanto “azzurro” non è, stuzzica la mia curiosità. Le fiabe sono storie senza tempo, rispecchiano il nostro mondo e, quindi, anche loro subiscono delle evoluzioni attraverso un processo di mutazione che porta la storia ad assumere forme diverse dal finale non sempre positivo. Vi trascrivo, con piacere, le parole, incisive e chiare, di Lara:
“Per dirla tutta è vero che l’intero racconto prende il via dalla favola della bella addormentata ma poi diventa un crossover delle favole che più abbiamo amato da bambini. Il finale lascia decisamente spiazzati e con il fiato sospeso. Un libro che non dovete perdere se amate le favole e soprattutto se non vi accontentate dello sdolcinato per sempre felici e contenti”.
Brava Lara!

Lei ha dormito per cento anni. Lui l’ha risvegliata con un bacio, ma questa non è la fine della storia, è l’inizio. Se il principe che l’ha risvegliata non l’ha fatto per amore, ma per interesse, se lui non è affatto azzurro, ma scuro e malvagio, cosa può fare lei, la Bella Addormentata nel Bosco, prigioniera in un castello tetro, in balia di un principe arrivista e di una strega perfida?
Forse soccombere, forse scappare, forse lottare e scavare oltre la cortezza di apparenze e scoprire che, il lato oscuro, a volte è più seducente di una veste azzurra.
“Rosaspina, una fiaba dark”, è il primo romanzo di una duologia.

10 commenti:

  1. Mi fa piacere che tu abbia apprezzato la mia recensione! un libro che consiglio, si legge veramente in un attimo e poi Luana è bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai perfettamente ragione: autrice bravissima e libro coinvolgente! La tua recensione ne esalta le qualità e invita a una lettura più che piacevole.

      Elimina
  2. Trovi sempre le recensioni più belle!!!! vado a leggerla tutta che è un libro che mi sta attirando!!!!

    RispondiElimina
  3. Detective Gufo è un segugio infallibile nella ricerca di recensioni meritevoli! "Rosaspina" è un libro che emana un fascino a cui è difficile resistere.

    RispondiElimina
  4. Non conoscevo la fiaba di Rosaspina, però la trama rivisitata è veramente molto intrigante! Corro a leggere la recensione che sono troppo incuriosita

    RispondiElimina
  5. Continua a incuriosirmi molto questo libro!

    RispondiElimina
  6. A volte anche il male ha un suo fascino particolare.

    RispondiElimina