mercoledì 23 luglio 2014

RECENSIONE "Odio l’amore… o forse no." di Lidia Ottelli

Ciao amati lettori, oggi parliamo di un romanzo denso di sentimenti e di emozioni (al peperoncino): dall’amicizia all’amore, dal dolore alla voglia di ricominciare, dalla gelosia alla malinconia. Tutto questo e molto di più lo potrete leggere in:

Odio l’amore… o forse no” 
di Lidia Ottelli


Copertina: 
Violet Nightfall

Autrice: Lidia Ottelli
Editore: Self Publishing
Genere: chick lit, romance, erotico, ironico
Pagine: 156
Prezzo: 1,99 euro e-book
Sinossi:  Samantha è una donna realizzata. Possiede una ditta di cosmetici affermata in centro a Milano con la sua migliore amica Alessia, ha più di trent’anni, è affascinante, intelligente, ricca e soprattutto ha un debole per gli uomini tra cui il bellissimo Eduardo che come lei ha la passione del sesso senza complicazioni.
Alessandro è il fratello di Alessia, un bellissimo ragazzo e un manager londinese affermato. Lasciato da poco dalla sua leggendaria fidanzata, ritorna in Italia per le feste natalizie per staccare dalla sua vita a Londra.
I due si rincontrano dopo moltissimi anni e nasce tra di loro una relazione sessuale pericolosa e intrigante che sfocerà in un turbinio di sentimenti che Samantha non riuscirà a controllare. Non tutto però è come sembra e una sconvolgente rivelazione cambierà per sempre le carte in tavola…
Sesso, perversione e molto, molto umorismo tutto in un unico libro…

“Questo è un momento drammatico. Un minuto di silenzio per il mio buon senso che è deceduto due ore fa. Sono sempre stata una donna forte, determinata, una ragazza con le palle e contro palle e ora? Sono ko per colpa di un uomo. Questa consapevolezza mi sta ammazzando”.





STILE: 8
STORIA: 7
COPERTINA:8



Partiamo dal presupposto che io non amo il genere erotico ma, questa volta, devo ricredermi perché il libro di Lidia, pur contenendo scene di sesso esplicite, è un romanzo ben scritto in cui ironia ed erotismo vanno a braccetto.

Milano. Samantha Testa, giovane donna dinamica e alla moda, è proprietaria di una ditta di cosmetici; vive la sua esistenza in modo libero e indipendente. Il successo sul lavoro si riflette anche nella vita privata e nei rapporti, veloci e senza impegno, con gli uomini. Sam è per “il sesso senza problemi”, nessun coinvolgimento: lei è felice così! O forse no!

Un giorno il destino, gran giocherellone, le riserva una sorpresa: da Londra, dopo una lunga assenza, ritorna Alessandro fratello di Alessia. Cosa succederà? Vi anticipo che Sam vedrà crollare miseramente tutte le sue certezze sul sesso senza amore. Lei, abituata a ottenere ciò che vuole e al “sesso-brucia-calorie”, si ritroverà a ripudiare tutte le sue certezze per lui. Questa Waterloo del “sesso libero” ha un unico nome: Alessandro, bello, affascinante, con un fisico da paura. Lei deporrà  le armi e si scoprirà follemente innamorata.

“  Lettera della sera
Cari amanti, la vostra amata Samantha ha perso la ragione. Ha appena rinunciato a un incontro sessuale con un affascinante maschio. Vi do il triste annuncio: Samantha soffre di un disturbo chiamato “ossessione per un solo uomo” si tratta di un disturbo che colpisce 4 donne su 10. Si spera passi in fretta, ma nel frattempo ha deciso di rinchiudersi nel convento delle suore addolorate. Si augura che presto il suo cervello si ricolleghi e torni più in forma che mai. Nel frattempo vi bacia e vi augura tante belle cose. Firmato, Suor Samantha Testa. ”

Alessandro diventa il “tarlo-torturatore” del cervello della nostra bella protagonista che dovrà fare i conti con la dura realtà. Sam parla d’amore ma non è molto ferrata in materia.

“ Come diceva il mitico Lucio Battisti:
Mi sono innamorata di te, come ho fatto non so. Una ragione vera non c’è, lui era bello però…! ”

Già, lui era bello però!

Il finale vi sorprenderà regalandovi un’emozione tenera e dolce, a dimostrazione che l’amore, con l’A maiuscola, esiste.

In questo romanzo leggerete di una donna decisa e fragile, aggressiva e romantica: una donna che nasconde la sua vera indole.
La scrittrice è stata molto abile a lasciare indizi, disseminati qua e là lungo tutto il percorso narrativo, per portarci a riflettere su temi come l’amicizia, il sesso senza amore, la gelosia, le delusioni. 

In questo romanzo ci sono varie storie individuali che ne arricchiscono la trama:
-Leggerete del rapporto conflittuale tra Sam e sua madre (Mamma Dracula);
-Vi emozionerete del rapporto, tenero e coccoloso, tra Sam e Nicolas (simpaticissimo bimbo, figlio di Alessia);
-Scoprirete l’odio della protagonista per il Natale. Retaggio, forse, di feste mai trascorse con il calore di una famiglia visto che mamma Dracula preferiva trascorrere le festività in vacanza e non in famiglia;
-Scoprirete che le apparenze possono ingannare.

Vi accorgerete che Sam cela, sotto la sua disinvoltura, il timore di affrontare seriamente l’amore che vuol dire responsabilità, sacrificio, pazienza, comprensione. Amore non è sempre sinonimo di felicità e questo, Sam, lo scoprirà a sue spese rendendosi conto che, a volte, si scambia per amore ciò che amore non è. La protagonista dovrà superare momenti difficili, vincere le insicurezze del suo animo e uscire dai soliti schemi con cui era abituata a identificare la propria vita. Quando tutte le certezze crollano, cosa si fa? C’è una medicina per i cuori infranti?

La  panacea per il mal d’amore sicuramente non esiste ma chissà forse per Sam c’è ancora la possibilità di essere felice con la persona giusta.

Devo riconoscere che questo romanzo, dedicato all’universo femminile, mi è piaciuto proprio per il suo intento di esplorare il mondo dei sentimenti. Con penna intrisa nell’ironia, la scrittrice ha realizzato un romanzo divertente, non banale, che cattura l’attenzione del lettore. Un ottimo stile di scrittura rende fluida la lettura che scivola tra le figure dei protagonisti ben caratterizzati. 
Un valore aggiunto è rappresentato dalla copertina realizzata dalla bravissima Violet Nightfall. 
Consiglio la lettura a tutti coloro che vogliono provare un brivido di piacere. “Odio l’Amore…o forse no” è un romanzo “bollente” che vi concederà qualche ora di spensieratezza con il sorriso sulle labbra. 

Buona lettura e ricordate che

Due cose ci salvano nella vita: amare e ridere. Se ne avete una va bene. 
Se le avete tutte e due siete invincibili ” 
(T. Tejpal)


2 commenti:

  1. Grazie mille sono contentissima che ti sia piaciuto. Grazie grazie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stata una lettura piacevolissima. Complimenti:)

      Elimina