giovedì 2 ottobre 2014

RECENSIONE “Quando c'era la luna” di Sara Stroppa e Roberta Ambrogio


Scriveva Romano Battaglia:
“La luna è l’anima,
 è il nostro modo di vivere le emozioni, i desideri, i sogni.
 La Terra è la realtà,
 il luogo in cui lottare con i rimpianti e le delusioni.”
Tempo fa, girovagando sul web, ho letto, sul blog “Libri di Cristallo” della bravissima Ilenia, la presentazione di un libro che mi ha subito incuriosita. Ad attirare la mia attenzione è stato un titolo evocativo di mille emozioni. A volte succede di sentirsi attratte da un libro: lo si legge con attenzione e coinvolgimento, si respirano le stesse sensazioni dei protagonisti, si condividono o meno le loro scelte rimanendo affascinati dalla forza dell’amore.
Oggi vorrei presentarvi un’opera prima, di due giovani autrici, che vi invito a leggere:

“Quando c’era la luna”  
di Sara Stroppa e Roberta Ambrogio, Self-Publishing.




Autore: Sara Stroppa e Roberta Ambrogio

Editore: Autopubblicato

Pagine:594

Prezzo: € 1,99 ebook -  21,90 cartaceo


Sinossi: 
Un venerdì sera come tanti al Moonriver, un nuovo pub aperto al centro di Roma, Virginia e Chiara conoscono Marco, Andrea e Luca. Siamo a Marzo del 2007 e diversi sono i motivi che li hanno portati tutti quanti lì, così come ognuno di loro, in fondo, ha una storia diversa dall’altro. 
Tra amori dirompenti, delusioni, arte e sogni, nel corso degli anni le loro vicende si intrecceranno, per renderli più forti e scoprire che la vita riserva sempre tante sorprese, anche quando niente sembra facile. Il tutto, sotto la compagnia costante e silenziosa della luna. 





STILE: 8
STORIA: 8
COPERTINA: 7



Marzo 2007. Al Moonriver, un nuovo pub al centro di Roma, Virginia e Chiara conoscono Marco, Andrea e Luca. Inizia così un romanzo che intreccia le vite dei giovani protagonisti creando dei “percorsi di vita” irti di difficoltà, incomprensioni, tradimenti, sofferenze. E’ la quotidianità che veste i panni di continue sfide, di speranze, di desideri. I personaggi, ben delineati, si mostrano, al lettore, con pregi e difetti. Conosceremo dei giovani pieni di speranze per il futuro. 
Vivremo i loro desideri, le scelte non sempre condivisibili, gli errori. Quando si è giovani si hanno tanti sogni, le passioni nutrono l’anima e si è pronti a tutto per realizzare le proprie aspirazioni. A volte, però, la vita ci pone davanti a delle scelte che vanno nella direzione opposta rispetto a ciò che vorremmo attuare. Anche i nostri protagonisti hanno delle passioni: la musica, la danza. E’ giusto rinunciare alle proprie passioni in nome di impegni e ideali più concreti? Nella vita si può conciliare amore e aspirazioni senza far soffrire nessuno? Non so se tutto ciò sia possibile ma provarci è d’obbligo. Virginia e Chiara sono due ragazze con la voglia di vivere appieno ogni esperienza, sono pronte ad affrontare la quotidianità con la forza della gioventù. Anche Marco, Andrea e Luca vivono tra aspirazioni e scontri con la dura realtà. Le loro storie si intrecceranno dando vita a un romanzo corposo ma mai noioso. Non ci si può annoiare leggendo “la vita” e scoprendo come il destino si diverta a mescolare le carte. Nascono nuovi amori, iniziano convivenze con lo slancio che solo un cuore innamorato può avere, si vivono nuove esperienze lavorative. Ma quando le cose si complicano l’uomo ha dei comportamenti impulsivi che possono creare profonde ferite. E’ la vita!
Così mentre gli uomini si affannano nella continua ricerca del proprio ruolo nella vita, la Luna, da lassù, segue le vicende umane. La “regina della notte” è una presenza costante ma discreta, è testimone delle nostre emozioni, riflette le paure, i desideri, le speranze. Il nostro satellite osserva l’uomo e il suo difficile rapporto con la realtà: il nostro cammino è pieno di difficoltà. Può l’impulsività distruggere il vero amore? Le tentazioni sono tante ma i veri amori “fanno dei giri enormi e poi ritornano”. Tutti abbiamo un sentiero da percorrere per crescere caratterialmente e capire noi stessi. Nulla è facile ma se si è pronti a lottare per realizzare i propri desideri allora avremo più possibilità per concretizzare i nostri sogni.

“Quando c’era la luna” è un romanzo ben scritto, una lettura scorrevole, una piacevole rivelazione. Brave le scrittrici nell’aver costruito una storia che è la risultante di più vicende che mantengono sempre alta l’attenzione del lettore. Fin dalle prime pagine si è coinvolti emotivamente, ogni pagina riserva una sorpresa. I tanti personaggi sono ben delineati. Mi è piaciuto scoprire “le ombre” di ognuno di loro, i comportamenti dettati dall’impulso, dal rancore, dalle difficoltà che inevitabilmente segnano la crescita dell’uomo. Questo libro va letto con calma, gustando ogni pagina e tifando per i protagonisti. A volte il destino va aiutato con determinazione e una incrollabile forza di volontà. Vi consiglio vivamente di leggere questo romanzo da cui si potrebbe trarre un bel film! Nel salutarvi vorrei ricordarvi una citazione su cui riflettere:
“Punta sempre alla luna…
male che vada avrai vagabondato tra le stelle”.

5 commenti:

  1. la cover è particolare!! e anche le storie di questi ragazzi sembrano interessanti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angela, la cover ben si amalgama con il romanzo. "Quando c'era la luna" narra le storie di protagonisti che affrontano la vita con l'energia della loro giovane età. E' una lettura piacevole che porta a riflettere su tanti temi:)

      Elimina
  2. Ti ringraziamo tanto per i complimenti, per questa bella e dettagliata recensione e siamo felicissime che il libro ti sia piaciuto e sia stato spunto di riflessione. Hai saputo cogliere gli aspetti giusti :)

    Roberta & Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a voi! Aspetterò con vivo interesse il vostro prossimo romanzo:)

      Elimina
  3. Ciao,sono una nuova lettrice fissa, il tuo blog è molto bello **
    Ricambieresti qui? http://direttatelefilm.blogspot.it/

    RispondiElimina